Questo articolo si riferisce alla
RRS Discovery della spedizione BANZARE

La struttura  principale

Al centro del ponte della RRS Discovery si trova una grande cabina dalla forma rettangolare con il soffitto che funge da piattaforma di navigazione ed osservazione. Nella versione originale del 1901 erano presenti tre cabine più piccole e separate tra di loro che vennero smantellate e sostituite da una più grande che racchiudeva in se tutte le funzioni.

 

Il primo rivestimento

Dopo avere determinato le dimensioni esatte ricavo un parallelepipedo di legno di balsa più stretto e corto di 4 mm. che saranno necessari ai due strati del rivestimento. L’altezza invece è ribassata di soli 1,5 mm. per consentire l’installazione del tavolato che sarà in tutto e per tutto uguale a quello del ponte principale.

La cabina ha una forma semplice ma ho utilizzato un doppio fasciame anziché uno singolo; continua a leggere e scoprirai il perché!

La struttura della cabina della RRS Discovery è realizzata in legno di balsa.

La struttura della cabina della RRS Discovery è realizzata in legno di balsa.

Il primo rivestimento consiste nell’incollare verticalmente dei listelli di legno di noce della stessa larghezza ed essenza di quello definitivo.

Alla base della cabina si trova un’asse ORIZZONTALE di colore nero (vedi frecce GIALLE) che serve per ancorare la cabina al ponte di coperta.

Incollo quindi un listello dipinto di nero (che fa già parte del secondo rivestimento).

NB) Una delle porte (su ogni lato lungo ce ne sono quattro in tutto) è rientrata di una decina di centimetri.
Devo scavare il legno di balsa di 2 o 3 mm. ma l’operazione non presente nessuna difficoltà.

L’unica accortezza da seguire riguarda il fatto che la porta è la prima verso la prua e, per questa ragione sul “soffitto” della cabina disegno due frecce che indicano rispettivamente la direzione del la prua e del la poppa dello scafo.

 

Le porte

Le porte sono in tutto otto (quattro per lato) e quattro di esse sono finestrate.

Per costruire le porte incollo dei listelli su un supporto di carta nera.

Per costruire le porte incollo dei listelli su un supporto di carta nera.

La larghezza delle porte è pari a quattro listelli di legno da 1,5 mm di larghezza.

Incollo sopra un foglio di carta nera otto gruppi di listelli. Questi sono incollati SOLO sulla carta e NON tra di loro. In questo modo potrò allargare le giunzioni per mettere in evidenza la struttura delle assi delle porte.

 

Alcune porte della cabina hanno una finestra quadrata.

Alcune porte della cabina hanno una finestra quadrata.

Con una taglierina ben affilata elimino una porzione centrale da quatto porte.
Queste costituiscano i fori quadrati delle finestre.
Anche se sembrano uguali due di queste finestre sono leggermente più piccole.

 

Lo sfondo della finestra è dato dalla carta azzurra mentre per il vetro utilizzo una striscia di plastica.

Lo sfondo della finestra è dato dalla carta azzurra mentre per il vetro utilizzo una striscia di plastica.

Per lo sfondo delle finestre utilizzo un colore azzurrino.

Non uso il nero perché non da profondità mentre il bianco crea troppo contrasto. I grigi andrebbero bene ma l’azzurrino chiaro rende meglio l’idea di un vetro.

Per simulare il vetro utilizzo della plastica trasparente leggermente opaca ricavata da una scatola per dolci.

Nell’immagine a destra la freccia GIALLA mostra il foglio di carta colorata già incollato sul fondo nero della porta. la freccia VERDE invece mostra il vetro di plastica.

 

Disegno a matita le linee caratteristiche delle porte.

Disegno a matita le linee caratteristiche delle porte.

Con una matita marrone chiaro segno le linee distintive delle porte.
Ricalco i bordi per evidenziare maggiormente le ante.

 

Eseguo delle prove preliminari con le porte appoggiate sulla struttura della cabina della RRS Discovery.

Eseguo delle prove preliminari con le porte appoggiate sulla struttura della cabina della RRS Discovery.

Per valutare l’effetto finale realizzato provo ad appoggiare le porte sulla struttura della cabina.
Questo controllo permette anche di valutare le proporzioni e gli spazi che rimangono liberi.

 

Il secondo rivestimento

Il listello di colore nero incollato alla base della struttura funge anche da “listello guida”.

La cabina aveva un’asse orizzontale di colore nero.

La cabina aveva un’asse orizzontale di colore nero.La tavola alla base della cabina è di colore nero

La tavola alla base della cabina è di colore nero perché è stata trattata con un della pece per renderla impermeabile.

Il secondo rivestimento inizia dall’angolo rivolto alla poppa.
In questa posizione si trova una piccola finestra di forma rettangolare

 

Incollo il primo listello in verticale. Ovviamente questo listello sarà un “listello guida”.

Incollo il primo listello in verticale. Ovviamente questo listello sarà un “listello guida”.

Incollo un listello a tutta altezza (Vedi la freccia ROSSA).

 

Incollo due listelli che delimitano la finestra della cabina.

Incollo due listelli che delimitano la finestra della cabina.

Incollo altri due listelli più bassi (cerchietto ROSSO)

 

Realizzo la cabina con la stessa tecnica utilizzata per la costruzione delle porte.

Realizzo la cabina con la stessa tecnica utilizzata per la costruzione delle porte.

A questo punto incollo uno spezzone di carta azzurra e definisco la finestrella con un listello alla destra e due più piccoli in alto. (Cerchietto GIALLO)
Incollo subito di lato una delle porte finestrate realizzate negli step precedenti.

Il rivestimento continua in direzione della prua.

Incollo la seconda porta finestrata nel rientro della struttura eseguito negli step iniziali del lavoro.

 

Termino il rivestimento della cabina chiudendo gli spazi vuoti rivolti verso la prua.

Termino il rivestimento della cabina chiudendo gli spazi vuoti rivolti verso la prua.

Incollo quindi i listelli di legno dalla porta verso la fine della parete. (Vedi freccia GIALLA  e BLU)

Uso dei blocchetti di plastica per garantire la perpendicolarità dei listelli incollati sopra alla finestra.

Uso dei blocchetti di plastica per garantire la perpendicolarità dei listelli incollati sopra alla finestra.

Per verificare la perpendicolarità dei listelli appena incollati utilizzo dei blocchetti di plastica.
Devo prestare attenzione soprattutto ai listelli incollati sopra alla piccola finestra.

 

Il gradino in metallo

Uso l’alluminio per realizzare la soglia della porta.

Uso l’alluminio per realizzare la soglia della porta.

La porta con la rientranza ha il pianale in metallo.

Per garantire una buona accuratezza non mi limito a colorare di argento uno spezzone di legno ma preferisco rivestirlo con il metallo.
Allo scopo utilizzo un comunissimo pezzo di carta di alluminio e lo premo sulla carta vetrata in modo da trasferire la texture e rendere “rugoso” l’alluminio.

 

Taglio uno spezzone per realizzare la soglia in alluminio.

Taglio uno spezzone per realizzare la soglia in alluminio.

Lo incollo su uno spezzone di listello e lo taglio a misura.

 

Incollo la soglia di alluminio sulla porta della cabina della RRS Discovery.

Incollo la soglia di alluminio sulla porta della cabina della RRS Discovery.

Infine lo incollo sulla soglia della porta.

 

Gli oblò

La cabina presenta diversi oblò posti a due altezze differenti.
Gli oblò sono di tipo commerciale da 3 mm di diametro esterno.

Per allineare gli oblò uso del nastro di carta.

Per allineare gli oblò uso del nastro di carta.

Per garantire un perfetto allineamento degli oblò preferisco NON segnare le righe con lo squadretto e la matita perché poi dovrei cancellare i segni rimasti ma piuttosto utilizzo una strisca di carta da carrozziere che una volta praticati i fori di invito da 0,5 mm. verrà tolta.

 

Con un trapano allargo i fori per accogliere gli oblò.

Con un trapano allargo i fori per accogliere gli oblò.

Allargo i fori di invito con una punta da 3 mm.

Gli oblò sono in ottone ma a me servono di colore nero.
Li tratto con un primer grigio adatto ai metalli dato a pennello per poi dipingere la superficie esterna con un colore acrilico grigio scurissimo. (Nella fattispecie ho usato il nero Nato).

 

Incollo gli oblò dipinti di nero.

Incollo gli oblò dipinti di nero.

Una goccia di colla ed infilo gli oblò nei fori.
Il grigio (del primer) all’interno dei fori garantisce una certa profondità.

 

Il passamano

La cabina è allestita con diversi passamano agganciati alla struttura in punti ben definiti.

Segno i punti di aggancio del passamano alla cabina.

Segno i punti di aggancio del passamano alla cabina.

Uso il nastro di carta quale linea guida e su di esso segno con una penna rossa i punti dove inserire i supporti del passamano.

 

Foro i punti di aggancio dei supporti del passamano.

Foro i punti di aggancio dei supporti del passamano.

Eseguo dei fori con una punta da 1 mm.

 

Inerisco nei fori dei tondini di legno di noce.

Inerisco nei fori dei tondini di legno di noce.

Nei fori incollo con la vinavil degli spezzoni di tondino di noce da 1 mm. di diametro.

Devo prestare MOLTA attenzione affinché sporgano tutti alla medesima lunghezza. Che in questo caso è di 1,5 mm.

 

Il passamano è incollato sui supporti.

Il passamano è incollato sui supporti.

Su questi spezzoni incollo un tondino di legno di noce.
Quando la colla sarà asciutta elimino le eccedenze che sporgono dai due lati.

 

Con delle strisce di carta simula la ferramenta del passamano.

Con delle strisce di carta simula la ferramenta del passamano.

Per simulare la ferramenta in ottone utilizzo delle strisce di carta che incollo con la vinavil con molta cura ed attenzione.

Queste strisce verranno poi trattate con della colla ciano acrilica che le conferiranno una durezza notevole e le renderanno impermeabili.

 

Per simulare il colore ottone del passamano della cabina della RRS Discovery adopero un pennarello colore oro.

Per simulare il colore ottone del passamano della cabina della RRS Discovery adopero un pennarello colore oro.

Con un pennarello colore oro ripasso le strisce di carta ottenendo un effetto molto realistico.

 

Rifinisco la cabina con gli ultimi dettagli.

Rifinisco la cabina con gli ultimi dettagli.

Con lo stesso pennarello ripasso le maniglie che ho realizzato con degli occhielli di rame.
Con della carta nera simulo i cardini delle porte.

 

Il Trincarino a CENTRO NAVE

 

È un elemento longitudinale di rinforzo della struttura di una nave in legno, è posto alle estremità dei bagli, ed è realizzato con una serie di tavole più spesse e robuste ed impedisce alle le tavole del ponte di muoversi.

Sopra di esso verrà posato il controtrincarino che è largo circa la metà.

Il ponte listellato, la freccia verde mostra la peretta unione della cornice della sala macchine con il tavolato del ponte.

Il ponte listellato, la freccia verde mostra la peretta unione della cornice della sala macchine con il tavolato del ponte.

Ho listellato tutto il ponte quasi fino al bordo dell’impavesata ed ora devo aggiustare e rettificare il bordo esterno affinché entri il trincarino.

La freccia ROSSA mostra appunto come lungo il bordo siano ancora presenti la parte terminale delle assi del tavolato.

 

Il trincarino viene bloccato in posizionare con degli spilli.

Il trincarino viene bloccato in posizionare con degli spilli.

Per ottenere una linea di confine perfetta appoggio sopra al tavolato il listello di tiglio da 5 mm. che diventerà il mio trincarino, lo blocco in posizione fissandolo con diversi pilli da sarto.

 

Con una taglierina elimino le eccedenze del tavolato del ponte della Discovery.

Con una taglierina elimino le eccedenze del tavolato del ponte della Discovery.

Con un cutter ben affilato ed utilizzando il bordo del listello fissato sopra al ponte taglio i listelli sottostanti.
Asporto i legnetti in eccesso e pulisco la zona di contatto.

 

Una fase di lavoro della posa del trincarino al centro della nave.

Una fase di lavoro della posa del trincarino al centro della nave.

La freccia BLU in basso mostra il trincarino già incollato in posizione mentre il contorno blu in alto evidenzia il bordo già rettificato nello step precedente ma ancora privo del trincarino (che è il listello appoggiato sul modellino).

La freccia ROSSA invece mostra come la cornice della sala macchine sia perfettamente allineata al tavolato.

 

Il Trincarino a PRUA

A prua della nave il ponte si restringe e il trincarino deve essere piegato all’interno per seguire la curva dello scafo.

A prua il ponte presenta una curva che deve essere seguita dal trincarino.A prua il ponte presenta una curva che deve essere seguita dal trincarino.

A prua il ponte presenta una curva che deve essere seguita dal trincarino.

È difficile piegare un listello sottile in senso longitudinale perché tenderebbe a raddrizzarsi in quanto la tensione è notevole.

Su uno scafo come quello della RRS Discovery preferisco evitare tensioni inutili soprattutto quando la soluzione è semplice e facile da realizzare.

Osservando la foto qui sopra si nota come il trincarino tenda a rimaner diritto. Le frecce ROSSE mostrano appunto come esso si discosti dalla linea curva dello scafo.

A metà della zona curva che è lunga circa 8 o 10 cm. traccio una linea con la matita.

 

Divido in une parto il trincarino a prua in modo da potere seguire la curvatura dello scafo.

Divido in une parto il trincarino a prua in modo da potere seguire la curvatura dello scafo.

Per evitare di capovolgere le due metà del listello quando lo andrò ad incollare sul ponte traccio un segno a matita. (freccia ROSSA).

 

Carteggio il lato interno dei due spezzoni del trincarino della prua.

Carteggio il lato interno dei due spezzoni del trincarino della prua.

Carteggio leggermente sia l’angolo dell’unione dei due listelli sia il bordo interno agli stelli per assecondare l’andamento curvilineo presente in quel tratto.

Per bloccare i listelli in posizione utilizzo solo del nastro di carta.

 

Il Trincarino a POPPA

La curva della poppa tipica di un veliero è molto stretta è non è possibile operare come visto sopra ma si deve intraprendere un altro percorso.

Traccio sul ponte la curva molto stretta della poppa.

Traccio sul ponte la curva molto stretta della poppa.

Mi sono costruito un attrezzo che mi consente di mantenere costante la distanza della punta della matita rispetto al bordo dello scafo e tracciare sul ponte la relativa curva.

La freccia ROSSA mostra uno spezzone di listello opportunamente assottigliato affinché la matita abbia la distanza corretta. (Un attrezzo professionale molto smile a quanto da me costruito costa alcune decine di euro ed è reperibile nei migliori negozi di modellismo).

 

Con un taglierina a scalpello taglio ed elimino le eccedenze a poppa.

Con un taglierina a scalpello taglio ed elimino le eccedenze a poppa.

Adopero una sottile lama a scalpello ed incido lungo la linea appena tracciata per permettere di inserire il trincarino.

 

Per realizzare il trincarino a poppa devo adoperare dei listelli molto larghi.

Per realizzare il trincarino a poppa devo adoperare dei listelli molto larghi.

La curva a poppa è molto stretta è non posso utilizzarelo stesso listello perché è troppo sottile e non coprirebbe adeguatamente lo spazio del trincarino.

Devo utilizzare allora un legno della stessa essenza (perché non verrà dipinto) ma molto più largo.
Al centro del ponte sono visibili tre spezzoni di listello dove il più stretto posto a destra rappresenta il “vecchio” trincarino.
Si può notare come sia stato pulito il bordo esterno per accogliere il trincarino a poppa.

 

Riporto su un foglio di acetato il profilo curvo del trincarino a poppa.

Riporto su un foglio di acetato il profilo curvo del trincarino a poppa.

Utilizzo un foglio di acetato e traccio il contorno.
Segno anche l’inizio e la fine del listello che andrò a lavorare.

 

Con la carta vetrata sagomo la curva interna del trincarino posto a poppa.

Con la carta vetrata sagomo la curva interna del trincarino posto a poppa.

Il primo step consiste nel realizzare la curva interna che andrà a contatto con il resto del ponte di poppa.

 

Per ultimo sagomo la curva esterna del trincarino posto a poppa.

Per ultimo sagomo la curva esterna del trincarino posto a poppa.

Carteggio quindi anche il bordo esterno fin o ad ottenere un listello curvo.
Per coprire tutta la poppa ho utilizzato 5 spezzoni curvi.

QUI DI SEGUITO ILLUSTRO IL METODO DA ME UTILIZZATO PER
TAGLIARLI TUTTI DELLA STESSA MISURA

Quando si deve listellare la superficie di un ponte i listelli che riproducino le singole assi vanno tagliati tutti alla stessa misura.

La misurazione va effettuata con la massima cura ed attenzione e deve essere tale da coprire la distanza di 5 o 6 ordinate.

 

 

I listelli da tagliare sanno centinaia e centinaia e devono essere tutti uguali altrimenti sballa il disegno del rivestimento del ponte ed il lavoro diventa dozzinale.

Quello che serve è una dima che abbia l’esatta lunghezza richiesta dal progetto ma, non la si può acquistare in nessun negozio perché non esiste; deve essere costruita in proprio.

 

LA DIMA DI TAGLIO

Per la costruzione utilizzo una comune dima da taglio in alluminio che è presente in ogni laboratorio modellistico, costa pochi euro e permette tagli perpendicolari e a 45 gradi. Sul fondo sono ricavate alcune scanalature che permettono di inserire dei listelli con larghezze comprese tra i 2 ei 5 mm.

Utilizzo una comune dima da taglio per ricavare l’attrezzo che mi necessita.

Utilizzo una comune dima da taglio per ricavare l’attrezzo che mi necessita.

L’inconveniente di questa dima è data dal fatto che è piuttosto corta mentre la lunghezza dei listelli da tagliare sarà vicina alla sua mezzeria.

Si taglia e si sagoma un blocchetto di legno (anche di balsa) che sia tanto largo quanto lo spazio interno alla dima in modo che una volta inserito non si possa muovere.

Sul lato che andrà a contatto con i listelli da tagliare incollo uno spezzone di legno duro (come il noce ) in modo da non rovinare la superficie che rimane a contatto dei listelli.

Sul lato opposto incollo un legno più largo della dima in modo tale da creare un “tappo” sul fondo che mantenga il blocchetto sempre nella medesima posizione.

I LISTELLI DA TAGLIARE

In base al tipo di progetto i listelli potranno avere larghezze differenti. Non conviene superare i 2 mm perché produrrebbero assi dalla larghezza completamente fuori scala. La larghezza di una tavola di un ponte di coperta è di 10, 12 o al massimo 15 cm che rapportati in scala 1:70 diventerebbero rispettivamente: 1,4 – 1,70 e 2,14 mm.

In questo esempio i listelli sono a sezione quadrata da 1,5 mm di spessore che rappresenta la misura ideale per la costruzione del modello della RRS Discovery ormeggiato a Dundee.

Accosto tanti listelli quanti ne entrano della dima e taglio una estremità.

Accosto tanti listelli quanti ne entrano della dima e taglio una estremità.

Divido i vari listelli in spezzoni lunghi poco più del doppio di quando mi necessiti.
Li accosto gli uni agli altri fino a riempire lo spazio interno alla dima.
Li lego con del nastro a carrozziere e taglio un bordo a filo della dima.

I listelli legati con del nastro da carrozziere vengono inseriti nella dima.

I listelli legati con del nastro da carrozziere vengono inseriti nella dima.

Capovolgo il gruppo di listelli.

Taglio circa 20 listelli tutti della stessa lunghezza.

Taglio circa 20 listelli tutti della stessa lunghezza.

Utilizzando un seghetto a denti fitti taglio tutto il gruppo di listelli.

Siccome non posso utilizzare la scanalatura presente al centro della dima mi appoggio al bordo esterno per mantenere la lama aderente alla dima stessa ed ottenere così un taglio netto e preciso.

Ottengo un primo gruppo di listelli tutti uguali.

Ottengo un primo gruppo di listelli tutti uguali.

Dopo questo secondo taglio ho ricavato circa 20 listelli tutti della stessa lunghezza.
Il gruppo di listelli avanzato viene inserito a sua volta nella dima.

Ottengo un secondo gruppo di listelli tutti uguali.

Ottengo un secondo gruppo di listelli tutti uguali.

Le frecce BLU mostrano il nastro di carta che garantisce un taglio netto e preciso su ogni listello.

Anche il secondo gruppo è stato quindi tagliato.
In totale ottengo circa 40 listellini per ogni sessione lavoativa.

Si procede in questo modo fino ad ottenere il numero di listelli desiderato che per un modello di medie dimensioni è di circa 800. Per i modellini più lunghi questo numero può arrivare e superare le 1000 unità.

COME ARCUARE IL PONTE A SCHIENA D’ASINO

Anche il ponte di poppa presenta una leggera curvatura chiamata a schiena di asino.

Questo esempio tratta del ponte di poppa del Cutty Sark.

Spesso nei kit i ponti sono perfettamente piani senza nessuna curvatura. Per realizzarla si deve considerare l’aumento dello spessore necessario per questa operazione che può essere quantificato in 1 mm ai bordi e 2-3 mm alla mezzeria. Si deve quindi procedere a ridurre l’altezza del ponte “piatto” fornito nei kit ricostruendo il componente da una tavoletta di compensato avente uno spessore ridotto di 1 mm od in alternativa si possono limare gli incastri delle false ordinate.

Il ponte così incollato servirà da supporto all’applicazione del falso ponte da costruirsi in compensato di betulla da 0,8 mm di spessore.

Listelli per arcuare il ponte

Listelli per arcuare il ponte

Le FRECCE GIALLE indicano i listelli laterali che hanno un’alterezza di 0,5 mm e sono incollati ad 1/3 e a 2/3 della larghezza del ponte e ne seguono il profilo curvo avvicinandosi verso l’estremità poppiera.

La FRECCIA ROSSA invece indica il listello collocato sulla mezzeria ed ha un’altezza di 1,5 mm.

Preparazione del falso ponte

Preparazione del falso ponte

Il falso ponte è visibile al centro della foto ed è ricavato dalla sagoma di cartoncino (a destra). Conviene ritagliarlo leggermente più grande (1 o 2 mm al massimo) in modo da compensare l’aumento della larghezza dovuta alla forma ad arco che assumerà una volta incollato in posizione.

Il ponte di poppa viene arcuato in modo molto semplice

Il ponte di poppa viene arcuato in modo molto semplice

Da questa foto si capisce benissimo come si possa ricreare l’effetto della curvatura a schiena d’asino tipica dei ponti di tutte le navi.

In pratica il listello centrale determina l’altezza del colmo mentre i due listelli laterali fungono da supporto, rinforzo in modo da impedire avvallamenti che sarebbero alquanto antiestetici.

Fasi finali del rivestimento del ponte di poppa con i listelli di tiglio.

Fasi finali del rivestimento del ponte di poppa con i listelli di tiglio.

Se il ponte risultasse essere più largo e sbordasse dalle fiancate sarebbe sufficiente limare gli eccessi con lisciatoio.

Il rivestimento della poppa non presenta nessuna deferenza rispetto al ponte di coperta, si noti però come nella zona più a poppa i listelli sono in un unico pezzo e non seguano più il disegno a sbalzo degli incastri.

IL PAIOLATO DEI CARABOTTINI

Il fondo dei paiolati va chiuso con della carta nera.

Il fondo dei paiolati va chiuso con della carta nera.

La struttura dei paiolati è semplice da realizzare, semmai si deve prestare attenzione alle dimensioni, sopratutto in lunghezza, che devono combaciare con la distanza dei bagli. Si deve poi considerare che attraverso i fori del paiolato non si vede “quasi” niente e, allora è meglio chiudere il fondo con la carta nera ed evitare ogni problema.

Si inizia con il definire la posizione del carabottino di maggiori dimensioni.

Si inizia con il definire la posizione del carabottino di maggiori dimensioni.

Si noti il listello evidenziato dalla freccia ROSSA che è posizionato in corrispondenza di un baglio sottostante al ponte, e marcato dalla costola dell’ordinata visibile sulla fiancata come spiegato in un post precedente.
Si nota come il listello guida non sia a filo del baglio ma rientri di 2 mm. affinché sia il bordo del carabottino ad essere perfettamente sovrapposto.
Le frecce VERDI mostrano le zone dove è stata applicata la colla vinilica.

Alla fine si verifica le lunghezze dei singoli carabottini.

Alla fine si verifica le lunghezze dei singoli carabottini.

Da questa immagine appare evidente come l’inizio e la fine dei carabottini coincidano con i bagli.
Osservando il carabottino di maggiori dimensioni noteremo come non sia a lunghezza intera ma bensì suddiviso in quattro sezioni di larghezze differenti affinché i tre supporti trasversali corrispondano anch’essi alla posizione dei bagli che in quel punto sono stati tagliati per consentire un’apertura di maggiore dimensioni.

I RINFORZI DELLE ORDINATE PER INCOLLARE IL FASCIAME

Lo schema classico del montaggio prevede di incollare dapprima i ponti di batteria e poi quelli superiori in modo tale da correggere eventuali imperfezioni prima di rivestire lo scafo con i listelli.
I ponti dei castelletti, sopratutto a prua sono relativamente corti ed appoggiano su tre o quattro false ordinate le quali sono spesse 4 o 5 mm al massimo e spesso sono di un compensato di qualità scadente che non trattiene i chiodini o gli spilli neanche per il tempo necessario alla colla di asciugare.

Si devono quindi aggiungere dei rinforzi alle ordinate per aumentare la superficie di appoggio dei listelli del primo fasciame. Considerato che lo spazio in altezza tra i due ponti è assai ridotto qui non si riesce ad applicare la calafatura, tuttavia in questa zona i listelli non sono sottoposti a torsioni eccessive ed abbondando con la colla si riesce ad ovviare a tale mancanza.

Gli intagli e i rinforzi delle false ordinate per consentire l’incollaggio del primo fasciame

Gli intagli e i rinforzi delle false ordinate per consentire l’incollaggio del primo fasciame

Le frecce ROSSE indicano due spezzoni di listello a sezione quadrata incollati sulle ordinate che serviranno appunto per aumentare la superficie di contatto con i listelli del primo fasciame. Alle volte i kit semplificano questo delicato passaggio allegando una basetta di compensato con le aperture già pretagliate e prefustellate.

Nei kit il “fondo” dei sabordi è chiuso con un pezzettino di compensato che una volta forato accoglierà una mezza canna di un cannone, ma molto spesso accade che le aperture di uno o più sabordi vengano intersecate dalle false ordinate.

In questo caso come è ben evidenziato dalla freccia VERDE si esegue un semplice intaglio sull’ordinata, in questo modo si potrà chiudere la relativa apertura con un quadrato intero ed evitare l’antiestetica linea di giunzione.

COME SI CALCOLA LA DISTANZA DELLE ORDINATE DI UNO SCAFO

Le ordinate di una nave rappresentano lo scheletro portante e svolgono una funzione di fondamentale importanza per la stabilità e la robustezza dello scafo.

Nei kit troviamo un’ordinata ogni 5, 7 o anche 10 cm (spesso come estensione delle false ordinate)  ma nella realtà queste erano assi più numerose e praticamente quasi riempivano tutto lo scafo.

Senza entrare troppo nella tecnica della costruzione di uno scafo ho voluto semplificare il concetto e spiegare con dei disegni questo passaggio affinché fosse il più chiaro possibile.

si disegnano sulla carta le ordinate e le false ordinate

si disegnano sulla carta le ordinate e le false ordinate

Su un foglio di carta quadrettata si riporta la posizione dei sabordi (le aperture dei cannoni) di due ponti di batterie così come saranno posizionati e quindi visibili sullo scafo ultimato.
È opportuno mantenere il disegno nella scala corretta in modo tale da verificare ad occhio lo sviluppo del lavoro.
Ai lati dei sabordi si tracciano delle linee verticali verde scuro che rappresentano le ordinate vere e proprie quelle cioè che partendo dalla chiglia arrivano fino all’impavesata senza interruzione di continuità . È importante disegnare queste rette con lo spessore dei listelli che verranno adoperati nella riproduzione delle ordinate (normalmente 2 o 3 mm.).
Siccome nelle navi vere le aperture dei sabordi sono di notevole larghezza per irrobustire ulteriormente lo scafo si inseriscono delle “finte ordinate” o ordinate di riempimento tracciate in verde chiaro (possono essere anche più di una).

si disegnano sul compensato pretagliato allegato ai kit le linee delle ordinate

si disegnano sul compensato pretagliato allegato ai kit le linee delle ordinate

Dalla teoria alla pratica il passo è breve, si riportano quindi sui due compensati pretagliati le linee verde scuro (le vere ordinate)  e verde chiaro (ordinate di riempimento). Per evitare di macchiare il rivestimento finale è preferibile riportare il colore dal lato che rimarrà interno allo scafo.

per verificare visivamente quanto fatto finora si accostano i due compensati pretagliati

per verificare visivamente quanto fatto finora si accostano i due compensati pretagliati

Accostando i due compensati appare evidente la disposizione delle ordinate, nella realtà lo spazio che rimane tra queste veniva riempito da altre assi di legname chiamati “imbuoni”(qui colorate in violetto).

si calcola sulle impavesate la distanza delle ordinate

si calcola sulle impavesate la distanza delle ordinate

Le ordinate corrono parallele ai lati dei sabordi e terminano sulle impavesate dove sono visibili nella loro parte terminale (normalmente anche più stretta).

Essendo verticali, si deve per prima cosa calcolare la posizione dei sabordi della batteria inferiore.
Ci si può aiutare con un listello che abbia la stessa larghezza di un sabordo (al limite mezzo millimetro più stretto per compensare lo spessore della mina della matita), quindi si tracciano sulle impavesate i due segni a matita.

sulle impavesate si incollano nella posizione definitiva le ordinate

sulle impavesate si incollano nella posizione definitiva le ordinate

Alla fine si incollano sulle impavesate i listellini quadrati che simulano le ordinate che corrono parallele ai sabordi dei ponti delle batterie inferiori.
Si può notare come non siano equidistanti.

Questo calcolo va fatto anche per valutare le dimensione della lunghezza dei carabottini che verranno incollati sui ponti in quanto sono delimitati dai bagli fissati sulle ordinate.

 

 

 

LA CALAFATURA DEL TAVOLATO DEL PONTE CON DELLE TECNICHE ALTERNATIVE

Le giunture delle tavole dei ponti erano impermeabilizzate per impedire che l’acqua riversatasi sul ponte potesse penetrare all’interno dello scafo allagandolo.

Si usavano degli stacci o meglio delle stoppe spesso ricavare dal cordame usurato ed inutilizzabile che venivano affogate nel catrame o nella pece.

Lo spessore era spesso ridotto ad uno o due centimetri mentre la larghezza delle tavole era variabile in base al ponte, all’epoca storica ed infine alla nazionalità. In genere a causa della scarsità di legno d’alto fusto le navi inglesi utilizzavano delle tavole con uno spessore ridotto rispetto alle antagoniste francesi e spagnole.

Ci sono diversi modi per riprodurre la calafatura e qui di seguito espongo due metodi alternavi:

COLORARE I BORDI DEI LISTELLI:
CON LA VERNICE

Si tratta di un metodo all’apparenza molto semplice ma che invece nasconde molte più insidie di quanto possa sembrare.

Il procedimento consiste nell’accostare una decina di listelli con i quali si rivestiranno i ponti ed applicare sui bordi stretti una mano di vernice nera o passare un pennarello, sempre nero o una matita ovviamente anch’essa nera.

Vantaggi della vernice:

Con la vernice si ottiene una copertura uniforme è veloce da applicare, può essere dosata con la consistenza ottimale e il colore può essere calibrato. Infatti è preferibile utilizzare un grigio scurissimo ottenibile mescolando 80% di nero con il 20% di marrone scuro piuttosto che il nero puro.

I bordi dei listelli vengono dipinti di colore nero

I bordi dei listelli vengono dipinti di colore nero

Svantaggi della vernice:

L’uso di impregnanti può interagire chimicamente con il colore rendendolo solubile e può macchiare il ponte

L’uso di impregnanti può interagire chimicamente con il colore rendendolo solubile e può macchiare il ponte

Lo svantaggio maggiore consiste nel fatto che se la vernice è acrilica contiene anche molta acqua e spennellando questa si infila tra i listelli macchiandone la superficie, inoltre l’acqua tende ad essere assorbita dalle fibre del legno rendendo screziato il filo della calafatura.

Detti difetti possono essere mitigati (ma non evitati e/o risolti) trattando preventivamente i listelli con del turapori e carteggiando successivamente la superficie dei listelli per pulirli dalle macchie di colore.

CON IL PENNARELLO

Vantaggi del pennarello:

Il pennarello tende ad asciugare molto più velocemente della vernice, permette di stendere uno strato abbastanza uniforme

Il pennarello è a base alcolica e tende a staccarsi con gli anni

Il pennarello è a base alcolica e tende a staccarsi con gli anni

Svantaggi del pennarello:

L’uso di impregnanti può interagire chimicamente rendendolo solubile il pigmento macchiando il ponte

L’uso di impregnanti può interagire chimicamente rendendolo solubile il pigmento macchiando il ponte

Deve essere indelebile e non permette si stendere uniformemente più di 4 o 5 listelli. Anche se di meno penetra comunque nelle fibre del legno macchiandole. Il colore che si trova normalmente in commercio è solo nero e non può essere smorzato, inoltre tende a diventare lucido o semilucido. Con gli anni tende a screpolarsi e a staccarsi dal ponte.

L’uso di impregnanti, mordenti o turapori può interagire chimicamente con il colore rendendolo solubile e quindi macchia il ponte, oppure gli può cambiare addirittura il colore, nei casi stremi da nero diventa azzurro.

CON LA MINA DELLA MATITA

Vantaggi della matita:

Costa poco, la mina della matita va acquistata nei negozi per artisti dove si trovano in molteplici tonalità anche grigio scure.

La mina della matita tende a sciogliersi con il trattamento del turapori

La mina della matita tende a sciogliersi con il trattamento del turapori

Svantaggi del pennarello:

Il turapori scioglie la mina che può macchiare il ponte

Il turapori scioglie la mina che può macchiare il ponte

Non è semplice coprire in modo uniforme i listelli in quanto rimangono striati, anche qui l’uso di impregnanti, mordenti o turapori può rendere il colore solubile e può quindi macchiare il ponte. La soluzione consiste nell’acquistare assieme alla matita anche il prodotto stabilizzante.

USARE DEL FILO COLORATO

Per riprodurre la calafatura si può interporre tra le tavole del filo colorato

Per riprodurre la calafatura si può interporre tra le tavole del filo colorato

Questo sistema è valido solo sulla carta, lo cito perché alcuni anni fa su alcuni post veniva pubblicizzato ma non ha riscosso molto successo.

In pratica il procedimento consiste nell’incollare le tavole del ponte distanziate di 0,2 mm o 0,4 mm ed incastrare nella fuga del filo di refe di colore nero rispettivamente da 0,25 mm e 0,5 mm.

Non ci sono vantaggi ma solo condizioni sfavorevoli:
Innanzitutto si deve mantenere costante la spaziatura durante la fase del rivestimento del ponte e già di per sé non è facile!
Si deve stendere della colla in modo uniforme all’interno delle fessure e premere il flato in modo tale che aderisca alla colla senza macchiare il ponte, in alternativa si potrebbe impregnare il filo di cotone con la colla diluita ma in questo modo quando si asciuga tenderà a ritirarsi staccando e sollevando il filato dalla fessura.
Infine durante la lisciatura finale del ponte la carta vetrata, anche se a grana finissima sfilaccerà il filo e, per quest’ultima criticità non ci sono soluzioni applicabili.

USARE DELLO STUCCO NELLE FUGHE

In pratica il procedimento consiste nell’incollare le tavole del ponte distanziate di alcuni decimi di millimetro e passare su tutto il ponte una specie di strucco nero.

Lo stucco si prepara mescolando della polvere di stucco per legno con della colla aliphatica e del colore acrilico nero fino ad ottenere una consistenza molto pastosa e quasi asciutta.

Non si deve assolutamente adoperare della colla di tipo vinilico perché non è carteggiabile.

Lo stucco spalmato sul ponte per simulare la calafatura

Lo stucco spalmato sul ponte per simulare la calafatura

Questo sistema può essere preso in  considerazione qualora si volesse simulare anche la chiodatura delle tavole in quanto sarebbe sufficiente praticare i fori nei listelli.

Si deve trattare il ponte con del turapori un modo da limitare l’assorbimento superficiale dello stucco.

Una volta che lo stucco si è asciugato va grattato con una lama

Una volta che lo stucco si è asciugato va grattato con una lama

Dopo aver cosparso tutta la superficie con lo stucco nero si aspetta l’asciugatura dello stesso e si raschia via l’eccedenza.

In una prima fase conviene usare delle lamette affilate e non la carta abrasiva perché gratterebbe anche il legno e nelle passate successive premerebbe la povere di stucco sporcando il legno in  profondità.

L’effetto finale del tavolato macchiato dallo stucco utilizzato per realizzare la calafatura

L’effetto finale del tavolato macchiato dallo stucco utilizzato per realizzare la calafatura

L’effetto finale non è male anche se tutto il ponte rimarrà comunque piuttosto sporco e si evidenzieranno le velature superficiali dei listelli che rivestono il ponte.

ACCOSTARE LEGNI DI ESSENZE DIVERSE

I legni di essenza diversa possono essere usati per creare dei giochi di colore ma non per simulare la calafatura del ponte

I legni di essenza diversa possono essere usati per creare dei giochi di colore ma non per simulare la calafatura del ponte

Quest’ultimo modo è più pittoresco che realistico e consiste nell’alternare legni di essenza diversa,  si accostano tavole più larghe di legno chiaro come per esempio il tiglio ad altre molto più strette ma di essenza scura come per esempio il noce.

Questo sintema non è adatto a ricreare la calafatura del ponte di un galeone perché non è affatto realistico e si noterebbe immediatamente che si tratta di due tipi di legno, tuttavia può essere utilizzato per rivestire il ponte di un modello di uno yacht di lusso intervallando le varie essenza in modo da formare un disegno geometrico.

LA CHIODATURA DELLE TAVOLE

Le tavole sono inchiodate su tutti i bagli cui appoggiavano e nelle giunture di testa la chiodatura è spesso doppia.
Nei galeoni di maggiore stazza i chiodi aumentavano rispettivamente a tre sulle teste e due sui bagli.
Hanno un diametro pari fino ad un quinto della tavola che devono fissare.
Sono di sezione quadrata e non rotonda ed infine non sono mai sporgenti ma anzi per prima cosa veniva ricavato un profondo scasso nel legno dove la testa del chiodo era incassata per poi essere chiusa con un tappo dello stesso legno del ponte sigillando il tutto con della pece.

I chiodi dei ponti superiori non sono mai sporgenti ma chiusi con un tappo detto “cavicchio”

I chiodi dei ponti superiori non sono mai sporgenti ma chiusi con un tappo detto “cavicchio”

La giunzione risultava quindi assai difficile da individuare rendendo di fatto la chiodatura quasi invisibile, al limite si possono notare dei leggeri cerchietti più scuri sulla circonferenza dei tappi perché con il passare delle settimane e dei mesi questi diventano leggermente più scuri in quanto la fibra del legno assorbe l’acqua, e quindi anche lo sporco in essa disciolto.

Lo schema di un classico chiodo a sezione quadrata chiuso da un tappo o cavicchio

Lo schema di un classico chiodo a sezione quadrata chiuso da un tappo o cavicchio

Nelle tavole del ponte la fibra è disposta longitudinalmente, quindi la parte scoperta si trova sull’intestatura delle tavole protetta dal calafataggio e quindi non assorbe più di tanto.
Nel tappo invece la fibra è disposta in senso verticale e non potrebbe essere diversamente, altrimenti il legno si spaccherebbe, ed è quindi esposta alle intemperie e al salino e lo sporco viene assorbito dai tappi in maniera maggiore e in sostanza più si sporcherà il ponte più saranno scuri i tappi ma non diventeranno mai neri.
I tappi hanno una larghezza massima di otto centimetri.

Si deve anche considerare la scala del kit perché tutti i particolari e i dettagli devono essere rapportati ad essa, per comodità viene riportata una tabellina riepilogativa:

scala del
modellino
lunghezza listello
min. max.
larghezza listello
min. max.
spessore
cavicchio
1:50
1:75
1:100
80 mm
53 mm
40 mm
120 mm
80 mm
60 mm
3 mm
2 mm
1,5 mm
4 mm
3 mm
2 mm
ø 0,8 mm
ø 0,6 mm
ø 0,4 mm

COME SIMULARE LA CHIODATURA

Probabilmente qui si entra in una zona grigia in cui un particolare risulta difficile da riprodurre realisticamente in scala e quindi potrebbe essere opportuno ometterlo.

Nonostante queste perplessità molti modellisti però sono intenzionati ad intraprendere questa strada pensando di aggiungere un valore al loro modello.

La tecnica più corretta per realizzare la chiodatura prevede inizialmente di preparare la superficie del ponte lisciandolo con un raschietto per eliminare ogni singola imperfezione, va poi steso il mordente per scurirlo o per riprodurre un colore più grigiastro o con tendenza al biondo, infine va trattato con del turapori per stabilizzarlo e renderlo meno sensibile alle macchie di colla.

Prima si fora il tavolato del ponte e poi si riempiono i buchi con listelli di legno a sezione rotonda

Prima si fora il tavolato del ponte e poi si riempiono i buchi con listelli di legno a sezione rotonda o con dello stucco fatto in casa

    Per simulare correttamente ogni singolo chiodo si procede con il forare il listello di legno con una punta dal diametro compreso tra quattro e otto decimi di millimetro, è consigliabile forare anche lo strato di compensato che funge da base per il rivestimento finale, il foro deve poi essere riempito con:

  • un tondino di legno dalla sezione appropriata oppure
  • con dello stucco realizzato utilizzando per metà la colla aliphatica e per l’altra metà una miscela di polvere del legno del listello con una piccola aggiunta di polvere di legno più scuro.
I cavicchi devono essere un poco più scuri del ponte finito, mentre non devono mai apparire più chiari

I cavicchi devono essere un poco più scuri del ponte finito, mentre non devono mai apparire più chiari

Alla fine il composto deve avere all’incirca la stessa tonalità del ponte finito ma risultare leggermente più scuro.

Per garantire una presa duratura nel tempo il ponte deve essere preventivamente inumidito affinché l’acqua penetri nelle fibre dei fori permettendo alla colla di introdursi in profondità, questa si applica con una spatola metallica asportando immediatamente l’eccedenza.

Alla fine è obbligatorio ripetere la carteggiatura con una carta abrasiva a grana fine per pulire il tavolato, oltre allo sporco si toglie anche il turapori e sarà necessario stenderlo una seconda volta.

SIMULARE L’ANELLINO NERO

Questa appena descritta è la procedura di base che garantisce già un ottimo risultato, ma si può aggiungere un dettaglio migliorativo simulando l’anellino di pece nera che circonda il cavicchio o tappo.

Allo scopo è necessario dotarsi di un pirografo.

Al posto del pirografo sarebbe possibile utilizzare un comune saldatore a stagno, ma è meno maneggevole e preciso

Al posto del pirografo sarebbe possibile utilizzare un comune saldatore a stagno, ma è meno maneggevole e preciso

L’effetto è ottenuto grazie alla punta che è resa incandescente dalla corrente ed incide e brucia il legno segnandolo in modo permanente ma irreversibile.

In commercio si trovano svariate tipologie di punte ma la più indicata è la punta classica di tipo universale.
La temperatura va tenuta tendenzialmente sempre molto alta.

Per realizzare l’anellino si deve premere con la punta del pirografo nel foro eseguito in precedenza per bruciare la circonferenza e renderla nera, allo scopo si deve ricordare che il risultato finale dipende dalla combinazione di molti fattori, come per esempio la pressione esercitata, la temperatura, il tipo di legno, la punta adoperata e il relativo grado di sporcizia, fattori questi che non sempre sono facilmente replicabili in giornate diverse e per questo sarebbe opportuno iniziare e terminare tutti i cavicchi in un’unica sessione di lavoro.

L’anellino nero attorno al cavicchio aumenta di molto il dettaglio ma sussiste il rischio di rovinare il ponte

L’anellino nero attorno al cavicchio aumenta di molto il dettaglio ma sussiste il rischio di rovinare il ponte

È vivamente consigliato effettuare molte prove preliminari ed esercitarsi affinché si acquisisca una certa padronanza dell’attrezzo.

RIVESTIRE IL PONTE DI COPERTA

Il ponte può essere rivestito utilizzando anche dei listelli a lunghezza intera ma risulterebbe poco realistico in quanto vengono a mancare tutti i dettagli delle giunture di testa, è preferibile quindi optare per il rivestimento con listelli corti.
Per rivestire il ponte di una nave non è prevista una lunghezza standard delle tavole, ma queste devono assumere una lunghezza tale da coprire la distanza di cinque o sei bagli. La distanza dei bagli corrisponde alla distanza delle ordinate ma queste non sono poste ad intervalli regolari perché alle estremità lo scafo è soggetto a maggiori sollecitazioni e di conseguenza veniva irrobustito ravvicinando le ordinate con la conseguenza che la distanza tra esse diminuiva. Le misure delle tavole sono di conseguenza leggermente variabili, ma se rapportate nella scala del modello le differenze risultano limitate a qualche millimetro, una misura decisamente trascurabile perché sono difficili da notare in particolare modo sui ponti più corti che sono quelli più in vista.

Si deve decidere in anticipo quale disegno adottare per il rivestimento finale e segnare sul falso ponte i punti di unione delle tavole.

Disposizione errata per inchiodare le tavole di un ponte

Disposizione errata per inchiodare le tavole di un ponte

L’immagine qui sopra mostra un modo errato di sfalsare le tavole una ogni quattro o una ogni due.
Questo modo non è corretto:

  • Nello schema 1 a 4 le assi sono semplicemente sfalsate.
  • Nello schema 1 a 2 le assi sono semplicemente troppo corte.
Disposizione corretta per inchiodare le tavole di un ponte

Disposizione corretta per inchiodare le tavole di un ponte

È più corretto sfalsare le tavole come visibile qui sopra:

  • Nello schema 1 a 5 le tavole presentano due rientri (assi 3 e 5) e un sfasamento (assi 1 e 2).
  • Nello schema 1 a 4 le assi presentano due rientri (assi 2 e 4).

Dopo aver applicato la calafatura alle tavole del ponte si deve procedere alla loro posa. (A tale proposito si può leggere il relativo post. https://www.modellini-navali.it/la-calafatura-del-tavolato-del-ponte-con-la-tecnica-della-carta-nera/.)
Di norma i ponti presentano uno o due corsi più larghi e più spessi che corrono lungo la mezzeria “king planks” o paralleli ad essa “guide planks” e sono incastrati nelle apposite tacche ricavate nei bagli, il tavolato che è invece più sottile viene appoggiato direttamente sui bagli in modo che la superficie superiore abbia la medesima altezza senza creare dei gradini. Ovviamente ci sono anche le eccezioni.

Le tavole erano inchiodate su tutti i bagli cui appoggiavano e nelle giunture di testa la chiodatura era spesso doppia. I chiodi non erano mai sporgenti ma anzi per prima cosa veniva ricavato un profondo scasso nel legno dove la testa del chiodo era incassata e chiusa con un tappo dello stesso legno del ponte, risultava quindi assai difficile da vedere.

Nel veliero Cutty Sark (foto di Londra del 2006) il tappo dei chiodi è appena visibile

Nel veliero Cutty Sark (foto di Londra del 2006) il tappo dei chiodi è appena visibile

 

 

IL PRIMO LISTELLO DEL PONTE

Il primo listello deve essere incollato in modo perfetto perché di fatto è un “listello guida”

Il primo listello deve essere incollato in modo perfetto perché di fatto è un “listello guida”

Il primo listello o listello guida deve essere posizionato in corrispondenza della mezzeria del ponte e in questo caso sarà perfettamente centrato, in alternativa si potranno incollare due listelli uno a destra e l’atro a sinistra della mezzana ottenendo di fatto due listelli appaiati al centro dello scafo, questa seconda soluzione è più facile da realizzare.

In molti modelli questi listelli devono essere più larghi di circa 1 mm in quanto rappresentano i “king planks”.

Si segna con una matita la mezzeria dello scafo e, per garantire un perfetto allineamento si adopera un righello.
Nel riquadrino ROSSO si vedono una parte dei listelli già calafati.

Le tavole del ponte venivano sfalsate secondo un disegno prestabilito normalmente a 4 o 5 corsi come spigato qui sopra.
Le frecce ROSSE mostrano i segni di unione delle tavole derivati dalla reale disposizione del tavolato.

I carabottini e le aperture dei ponti in genere sono delimitati da una cornice fissa chiamata “la mastra” che è collocata in modo permanente sopra ai bagli e ne delimita in modo preciso l’inizio e la fine, essendo i bagli distanziati di circa mezzo metro le cornici ne tagliano un certo numero che vengono bloccati sui battenti longitudinali.

Le frecce BLU quindi mostrano la reale posizione dei carabottini ricavata dalle posizioni dei bagli e quindi delle ordinate.

 

LE ZONE SPECIALI DA RIVESTIRE

Se l’area da rivestire è inferiore alla distanza di 5 o 6 bagli allora le assi erano postare a lunghezza intera

Se l’area da rivestire è inferiore alla distanza di 5 o 6 bagli allora le assi erano postare a lunghezza intera

Nel riquadrino ROSSO si può notare come le tavole vengono disposte secondo uno schema a cinque posizioni.
Le assi hanno una lunghezza tale da coprire la distanza che intercorre tra 5 o 6 bagli.
Le aree BLU mostrano le zone speciali che essendo più corte della lunghezza di una singola asse vengono rivestite utilizzando un listello a lunghezza intera a prescindere dal disegno del tavolato e senza tenere in considerazione lo sfasamento delle giunzioni.
Infatti quando è possibile è più logico e semplice inchiodare una singola asse piuttosto che unirne due.

 

La calafatura eseguita con il cartoncino nero è molto realistica

La calafatura eseguita con il cartoncino nero è molto realistica

Nell’immagine qui sopra si vede la disposizione del tavolato del ponte con la carta nera che simula la calafatura presente solo su un lato del listello in modo da rimanere sottile.

 

DELIMITARE UN’AERA DEL PONTE

Quando è possibile si prosegue con la tavola oltre lo spazio che rimane visibile in modo da semplificare il lavoro di delimitazione

Quando è possibile si prosegue con la tavola oltre lo spazio che rimane visibile in modo da semplificare il lavoro di delimitazione

Si rivestono solamente le zone che rimangono visibili, in modo tale da risparmiare tempo e fatica.

Quando un ponte viene interrotto da una paratia conviene ricoprire anche una parte non visibile in modo tale da non avere interruzioni di continuità. Sopra il rivestimento chiuso dalla paratia si incolla un listello che blocca in modo permanente il ponte rivestito.

Effetto finale del tavolato rivestito con listelli calafati con la carta nera

Effetto finale del tavolato rivestito con listelli calafati con la carta nera

Dopo questo step si dovrà carteggiare il ponte e la calafatura che in questa foto risulta essere  leggermente mossa diverrà perfettamente rettilinea mantenendo al contempo un leggero movimento che risulterà essere assai realistico.